I primi due dispositivi indossabili con Android Wear sono già arrivati sul Play Store e stiamo ovviamente parlando dell’LG G Watch e del Samsung Gear Live di cui abbiamo fatto una veloce comparativa in questo articolo.

Con Android, praticamente ogni produttore aggiunge le proprie personalizzazioni al sistema operativo di Google al fine di offrire qualcosa in più ai propri utenti dal punto di vista sofware. Tuttavia sembra che questo non succederà con Android Wear, Android Auto e Android TV in quanto Google ha delimitato a priori la libertà dei produttori in questo senso.

Questo significa che non troveremo personalizzazioni UI dei produttori così come bloatware che solitamente troviamo preinstallati negli smartphone o tablet.Google progetterà l’estetica e le funzionalità delle applicazioni e queste potranno essere solo modificate marginalmente dai produttori a patto che non ne alterino l’estetica. In questo modo Google ha creato un nuovo ecosistema unificato dal punto di vista dell’interfaccia utente. Per il consumatore finale potrebbe essere molto importante, infatti vuol dire che sia il suo Android TV che Smartwatch e Android nelle auto utilizzeranno tutti uno stesso linguaggio di design che è più intuitivo da apprendere.

Non vi saranno quindi molte differenze tra i vari dispositivi se non a livello di hardware e Google si occuperà personalmente di rilasciare gli aggiornamenti proprio come ora avviene con il programma Nexus e GPE.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: