Nella nostra rubrica dedicata alle migliori tastiere gaming non aveva ancora fatto capolino questa Ozone Strike Pro perché volevo avere la possibilità di provarla con mano prima di darle un giudizio onesto.

Oggi vediamo assieme se questa tastiera meccanica pensata principalmente per un utilizzo gaming, che può comunque essere tranquillamente utilizzata in ambito lavorativo, può essere la nostra compagna di giochi per molto tempo.

Ozone Strike Pro - Tastiera da gioco

-,00€  Amazon

38,99€ Kelkoo [venduto da 24MX]

Specifiche tecniche

Vedere una lista discretamente lunga di caratteristiche è sempre un buon inizio,vediamole assieme

  • Tasti garantiti per 50 milioni di battiture
  • Hub di connessione usb e audio
  • Possibilità di configurazione 30 Macro
  • Tasti con tecnologia Cherry MX Red
  • Memoria 64Kb interna
  • 6 intensità luminose (Spento / 100% lampeggiante / 30% / 70% / 100% / gaming [ESC, QWEASD, tasti direzionali]) non personalizzabili
  • Dimensioni: Larghezza 44.1 cm – Lunghezza 13.5 cm – spessore 3.4 cm
  • Peso: 1300 grammi
  • Lunghezza del cavo 1,5 metri

Funzionamento e Comfort

La tastiera si presenta molto solida e resistente. 1,3 Kg di peso già suggeriscono che non è una normale tastiera con qualche lucina a disposizione. Un piccolo ma comodo spazio adibito a poggia polsi con ben stampato il modello di tastiera e la marca in alto a sinistra sono le prime cose che a colpo d’occhio catturano l’attenzione; ma c’è ben altro ancora da scoprire.

Partiamo con specificare che la Strike Pro è possibile acquistarla con diversi set Cherry MX. L’unità da noi recensita possiede la versione rossa ( disponibile anche in blu, nero o marrone a seconda delle esigenze e preferenze di ogni gamer) che a detta di molti è l’ideale per chi come me non preme fino affondo i tasti della tastiera ma bensì li sfiora a malapena.

Oltre alla tipologia è possibile tramite la pressione di più tasti personalizzare ulteriormente altri aspetti della periferica tramite il tasto funzione. Il tempo di risposta dei tasti, tramite F1-F2, è possible variarlo da 1 millisecondo a 16 millisecondi, la velocità di aggiornamento degli stessi con F3-F4, mentre da F5 fino a F12 sono presenti i controlli multimediali.

Sono presenti diversi pulsanti dedicati: G-Mode che disabilita il tasto Windows e abilità i sei tasti macro posti sotto ad esso, e un tasto specifico per variare la luminosità della tastiera nei cicli descritti sopra nelle specifiche tecniche. Per quanto riguarda la luminosità della tasiera l’unico colore disponibile è il bianco, fatta eccezione per i classici tasti gaming Q W E A S D e i tasti direzionali e il pulsante ESC che sono di un acceso colore rosso.

Molto interessante e comodo l’HUB messo a disposizione per poter collegare una porta USB e i jack per le cuffie e il microfono; per essere sinceri non è proprio un HUB ma più una prolunga vista la conformazione.

I piedini gommati, di cui i superiori rialzabili per guadagnare circa 8mm di pendenza, e tre comodissimi canalini dove è possibile far passare il cavo per organizzare al meglio il cable management sulla propria scrivania, sono tutto ciò che è possibile notare sotto la tastiera.

Nota simpatica la scelta ricaduta sulla assenza dei led di stato classici, blocco numerico e maiuscole, non sono presenti ma bensì restano accesi o spenti i relativi tasti in caso di pressione.

Impressioni di utilizzo e gaming

Parliamo in maniera più approfondita del reale utilizzo della tastiera, o perlomeno di quello per cui è stata creata, il videogioco.

Sto utilizzando questa tastiera da diverse settimane, venivo da un lungo periodo di utilizzo di una tastiera a membrana (tastiera ad isola di un portatile) e all’inizio ho avuto un po’ di difficoltà nel riadattarmi.

Passati i primi giorni dove scrivevo con evidenti errori di digitazione e erravo nel utilizzare oggetti in gioco ho trovato il mio setup ideale.

Personalizzando il tempo di risposta dei tasti e abituandomi nuovamente a una tastiera meccanica ho decisamente migliorato le mie prestazioni di gioco.

Se in titoli MOBA o strategici non ho notato un deciso miglioramento da tenerne nota, ho piacevolmente constatato che durante le sessioni di gioco di FPS la reattività con cui muovevo il personaggio attraverso le apposite keypad mi forniva una sicurezza aggiuntiva; non sono diventato un giocatore professionale ma mi sentivo più a mio agio rispetto alla tastiera precedente.

Ovviamente il mio feedback è personale e dato dalla mia esperienza di gioco, ognuno di noi ha una tempistica specifica e uno stile di gioco diverso.

Sono rimasto molto deluso dal software.

Non tanto perchè non sia completo, ma è progettato male.

Per iniziare, qualsiasi modifica tentavo di apportare (macro, cambiare, un tasto, una impostazione), al momento della conferma del comando con il tasto APPLY, portava ad un blocco totale del computer per circa 20 secondi, è una cosa che non va bene. 

Successivamente è possibile assegnare le macro solo ai sei tasti dedicati. Questa cosa è inconcepibile secondo me, non tanto in ambito lavorativo che magari è fattibile crearsi delle scorciatoie, ma durante un gioco spostare la mano da una parte all’altra per premere un tasto, con rischio di sbagliare per la fretta, rende questa funzione totalmente inutile a mio avviso.

Infine è possibile effettuare tutte le modifiche precedentemente descritte nella sezione Adv. Settings; ritengo che sia molto più semplice e veloce modificare tutte queste impostazioni con il tasto funzione/Ozone che passare per il software e avere quel fastidiosissimo blocco del pc.

Unica cosa, ma ci mancherebbe che non ci sia, la possibilità di creare dei profili distinti per avere quanto meno diverse impostazioni durante certi giochi.

Ozone Strike Pro Conclusioni

Rispetto a queste ultime critiche la tastiera da noi recensita non è male. Svolge il suo dovere di periferica di input e offre alcune interessanti funzionalità come la modifica del tempo di risposta dei tasti.

Quantomeno interessante la decisione di escludere i Led di stato della tastiera e integrarli nei tasti specifici,  e il poggia polsi non rimovibile possono essere delle particolarità da tenere conto.

Il software di controllo è probabilmente uno dei peggiori che abbia mai visto. Congelamento del computer per diversi secondi e la non possibilità di settare le proprie macro se non nei sei tasti predisposti è veramente una cosa che non mi è per niente piaciuta.

La tastiera si posiziona in una fascia di prezzo attorno ai 90 €, la tastiera di per sé potrebbe anche avere questo valore, ma le funzioni per cui viene pubblicizzata, a mio modo di vedere, non sono sfruttate e la penalizzano abbastanza.

Le tastiere meccaniche o si amano o si odiano, io personalmente ho un parere positivo della stessa ma ritengo che andrebbe valutato l’acquisto se trovata a quei 10/15 € in meno.

Pro

  • Costruzione molto solida
  • Cherry MX Red
  • Ottime performance nei game
  • Connettività audio e USB su tastiera

Contro

  • Il software gestionale
  • Tasti macro inutilizzabili in game
  • Prezzo un pò alto

Ozone Strike Pro - Tastiera da gioco

-,00€  Amazon

38,99€ Kelkoo [venduto da 24MX]

Galleria Fotografica

I nostri voti

Design8
Dimensioni e traspotabilità7.5
Funzionalità7.5
Comodità8
Software5
Rapporto qualità prezzo7.5
Voto finale7.3

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: