I chipset di Qualcomm sono diventati oramai un punto di riferimento non indifferente per le grandi aziende, sia per i bassi consumi energetici sia per l’affidabilità e la potenza di calcolo. Per questo sempre più aziende si affidano ai processori Snapdragon di fascia alta per i top di gamma che le aziende rilasciano nel corso dell’anno.

Lo Snapdragon 810, di cui abbiamo visto un focus nella giornata di ieri, sarà sicuramente uno dei chipset di fascia alta che utilizzeremo nei dispositivi del 2015 e anche quello su cui LG e Samsung fanno affidamento per i propri LG G4 e Samsung Galaxy S6 in territorio Europeo.

Alcuni report dalla Corea suggeriscono però che Qualcomm stia a vendo qualche serio inconveniente con la produzione dello Snapdragon 810 e questo potrebbe rallentare la produzione di massa del chipset in questione e di conseguenza costringere i produttori a rimandare il lancio dei propri dispositivi e non ci stiamo riferendo solo a Samsung o LG ma a tutti i produttori che avevano già in mente di utilizzare questa soluzione per i propri top di gamma.

Problemi di surriscaldamento renderebbero Lo Snapdragon 810 instabile
Pubblicato dal Business Korea, il problema sarebbe da riscontrarsi nelle alte temperature che il chipset raggiunge a determinati voltaggi, causando eventi di throttling che rendono la CPU instabile. Questi si estenderebbero anche al controller della RAM e anche in possibili bug alla GPU Adreno 430.

Si tratta di problemi che saranno probabilmente risolti da Qualcomm senza eccessive difficoltà, tuttavia questa procedura potrebbe dilungarsi più del previsto e costringere i produttori a rimandare l’uscita dei propri smartphone. LG e Samsung saranno sicuramente i primi due produttori ad essere colpiti da questo inconveniente anche se Samsung potrebbe avere un piano B: una versione modificata del proprio chipset Exynos, anche se di certo non è la soluzione migliore. Anche LG ha il proprio chipset Odin, anche se dubitiamo sia abbastanza performante e affidabile da trovare posto su un top gamma, almeno per il momento.

Dal momento che Qualcomm non ha ancora rilasciato comunicati stampa prendiamo il tutto con le dovute precauzioni, infatti potrebbe essere che il problema riscontrato è meno grave di quanto riportato dal Korea Times. Di certo con l’arrivo del MWC 2015 e il CES di Las Vegas avremo modo di sondare un po’ il territorio visto che in queste occasioni è solito trovare unità dimostrative anche dei nuovi top di gamma.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: