Tizen OS è oarmai realtà e il primo passo nel mercato consumer lo ha fatto con il Galaxy Gear 2 di Samsung. Vista la natura open-source di Android, molti produttori di OS come Blackberry e Sailfish hanno deciso di aggiungere il supporto alle app Android e di conseguenza a tutto il market place del Play Store.

Forte del suo dominio sul mercato, Samsung ha inizialmente deciso di non lasciare agli utenti la possibilità di installare le app Android, questo perchè un market dedicato a Tizen avrebbe significato maggiore introiti per il colosso Coreano. Tuttavia sembra che samsung stia facendo un dietro-front infatti stando a nuove indiscrezioni sarebbe in comunicazione con due aziende per creare una macchina virtuale in grado di eseguire le app basate su Java di Android, direttamente su Tizen.

Samsung potrebbe tuttavia adottare questa scelta in via temporanea, dando così la massima libertà agli sviluppatori di testare le proprie app e allo stesso tempo “allettare” gli acquirenti proponendo il vasto parco titoli di applicazioni e giochi del mondo Android. Ovviamente Samsung dovrà prestare attenzione all’esperienza utente che potrebbe differire da un’applicazione nativa per Tizen ed una emulata per Android. Sussisterebbe poi un’altro problema, infatti -secondo Samsung- Tizen è pensato anche per sistema con poca RAM (256MB) ma l’emulazioni di app android richiederebbe un quantitativo maggiore di memoria che potrebbe causare problemi su dispositivi di fascia medio/bassa.

Per ora sono solo rumor, ma di certo è una questione molto delicata su cui Samsung dovrà prendere una decisione entro breve, visto che il debutto di Tizen OS è sempre più vicino anche per smartphone.

Via | Source

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: