La vendita di un singolo gioco bisserà il debito di Nintendo nei confronti del prezzo di vendita ribassato delle singola console Wii U vendute. E’ stata questa, in parole povere, la dichiarazione fatta poche ore fa al magazine online MercuryNews.com dal presidente di Nintendo America Reggie Fils-Aime, tra l’altro già intravisto al Day-One di New York per il lancio di Wii U negli USA.

Sostanzialmente minimizza la situazione un pò precaria in cui verte in questi giorni la Nintendo che, pur di riuscire a vendere la nuova console, si è vista costretta di buon cuore ad abbassare il prezzo della Wii U anche al di sotto dei costi di produzione ma… non poi di così tanto, a quanto pare.

Queste, in breve, le dichiarazioni del boss di Nintendo America:

Il modello di business della nostra società non è cambiato in un modo poi così drammatico… basterà che ogni consumatore compri anche un solo videogioco, per portare in positivo i profitti di Nintendo. Alla fine il modello dei nostri affari è ancora quello di guidare la gente nell’acquisto della console (in questo caso Wii U, ndr.) per poi cercare di consolidare il legame con essa attraverso tutti gli altri software che ovviamente migliorano l’esperienza di gioco dei nostri consumatori. Se riusciremo a far questo, allora i profitti in azienda non mancherà mai.

E secondo i dati forniti da GameStop USA, Nintendo America ci sta sta riuscendo nel migliore dei modi. Sembra infatti che su circa 500.000 copie della console Wii U ordinate prima del giorno di lancio, erano stati gia ordinati almeno 1.200.000 copie di giochi fra quelli disponibili dal Day One. Una proporzione che non è più un banale 1:1 ma un 2,4:1. Bel Colpo Nintendo!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: